« lussi | Principale | nemmeno il tempo di resuscitare »

martedì, 15 dicembre 2009

Commenti

Maurizio Spagna

IL MOSTRO DELLE COSE
…ogni notte può definirsi l’ultima
e ogni mattino può durare il tempo dello scoppio delle menti…

All’interno
Orecchi in cerca di commenti
Che costituiscono
Le nostre e il mostro delle cose
I maglioni che ci vanno stretti
Le idee sparite, sepolte
E il Giuda in noi-
Canali digitali
Con tranci di carne vinta
Piccoli uomini
Al limite
Al contrario
E impazienti del sistema-
Supposizioni
Concettuali contenute in uno zaino imposto
E viuzze
Isteriche di rivoltosi:
Crisi, crisi è il mostro delle cose
Che da alte siepi
Scaglia il bambino del futuro per terra
E gli sfila la coscienza!

Il giardino è formato
Il labirinto
È uno sgabello della nostra anima
Corridoi
Di chilometri dove tutto è perduto
Stanze
Per scomparire con il tuo pensiero
E canali digitali
Intricati nella loro ricerca indigesta
Di un sintomo corrotto-

Fiancheggio
Una stella bassa
Le mie parole sono brucianti come braci
E all’interno
In lontananza…
Sono un cielo color cenere-

©2010 Maurizio Spagna
e il giro del mondo poetico-
www.ilrotoversi.com

manu

monica, come non vale? non cominciamo: tu sei amica mia, eh! :-P (sono guarita, quando ci vediamo? quando parliamo? va bene anche sotto la tour montparnasse...)
mitì, sai che ti penso spesso e mi piacerebbe rivederti? non fosse che viola è ghiottissima di focaccia genovese e così, ogni volta, mi ricordo della tua ricetta... :-*
f, sì. :-)
solaris, cracovia non la conosco. e, ovviamente, lodz è molto più autentica di varsavia. per me l'autenticità è tutto. abitavo in un albergo vicino a nowy swat e ti assicuro che se è una via in lo è in modo adorabile... (ho provato orrore per il furto di auschwitz, orrore.)
anto, come minimo devi aspetare il 200 sull'hardenbergstrasse... buon viaggio!
casamia, ti penso spesso anch'io. lo so che non stai più su splinder, avevo lasciato il tuo vecchio nome per permettere di seguirti a chi ti conosce, una specie di continuità. ma ora correggo subito. un bacio.

casamia

manu, ti ricordo e ti penso, non sono più, da tempo,matilde uno su splinder, adesso sono da altrettanto tempo, casamia su ilcannocchiale.it
un abbraccio

Solaris

un caso incattivito ha voluto che proprio oggi dei turpi criminali ci ricordassero quella mostruosità che proprio in Polonia ha avuto il suo luogo-simbolo: la Shoah. Il suo ricordo è stato profanato oggi da ignobili farabutti.
Mi passa anche la voglia di fare riferimenti spiritosi al disco degli Area.

Anto

e invece io sto per andare a Berlino, chissà quante cose mi potresti dire di questa città!:-)

Solaris

interessante intuizione dell'autenticità come chiave interpretativa di una nazione, la Polonia, che in fondo è ancora se stessa, qualunque essa sia. anche se mi dicevano di Nowy Swat che sarebbe una delle vie più "in"...
Cracovia e soprattutto Lodz, che riemerge da vecchi romanzi di guerra sui nazisti, forse sono ancor più autentiche. Cracovia poi ha un suo spazio nell'immaginario di molti romani...
ti piace Bruno Schulz? ciao Manu..

f

eccoti!

Mitì

Non vedo l'ora di leggerle quelle impressioni! :-*

monica vannucchi

Di polonia non so quasi niente; ho dei biglietti aerei regalo da utilizzare entro aprile e potrei andare a Varsavia, Cracovia oppure, ma non è polonia e ci sono già stata, a praga. tu che mi consigli? e qual'è il motivo, se non è segreto, che ti porta lì così spesso? Sì,dobbiamo parlare della orringer e di hrabal e di tanto altro... anche io ho pensato a te da parigi e anche a Viola, devo regalare qualche libro anche a lei se no non vale!

manu

simple, giusto, ché qua mica posso fare tutto io... :-P (grazie per l'header, è nuovo, sì. cominciavo a pensare che non l'avesse notato nessuno.)
amphetamine, sì, è persino venuto a prendermi all'aeroporto... carino, no? (a proposito, hai visto come si fa? qualcuno ti scrive un commento e tu abbastanza amorevolmente rispondi. è più facile di quel che sembri. :-P)

amphetamine

...nel senso di Lech Walesa ;-)

amphetamine

hai incontrato Solidarnosc??
:-)

simple

E quando si stancheranno, le farai sedere e ordinerai loro di scriversi.
:)
PS: bello il nuovo header (perché è nuovo, vero?)

manu

monica, ma sono sicura che le tue impressioni sul fondo ballino infinitamente meglio delle mie... ti ho pensato tantissimo, dobbiamo parlare della orringer. a lungo. :-*
dada, io sono stata a lodz (che si legge ugc) e a varsavia. so che tornerò e lo so con una forza che non provavo da tempo. magari ti verrò a trovare a cracovia, ma per adesso sono solo molto felice per te. e i tuoi kocham cie in mezzo alla neve.
laura, eh, ma aspetto anch'io... :-)
alligatore, ma tu fai dimagrire! solo cercare di stare dietro a tutta la musica che proponi... :-P
sara, l'autenticità è tutto quello che mi interessa in tutto. ovviamente, quando visito un posto nuovo, non sopporto che mi si confezionino emozioni su misura. voglio illudermi di saper ancora emozionarmi da sola. (ma tu mi amavi anche senza polonia, ammettilo pubblicamente! :-P)

sara

dada, e dove la metti la birra bevuta con le cannucce (esclusivamente dalle donne) e la birra calda al lampone?? :-)
la polonia è autentica, come dici tu; assolutamente. la amo e amo chi la ama.

L'Alligatore

Lasciale ballare, quando saranno stanche ballerai tu...
Ally
p.s. bella la scritta "manu", sono sempre piacevoli sorpese; io in farmacia ho visto un medicinale per dimagrire chiamato "alli".

Laura

E noi aspettiamo... :-*

dada

Sono stato a Cracovia 3 volte negli ultimi tre mesi... e penso che forse potrei anche trasferirmici se non ci fossero così tante consonanti... ma visto che i tornerò ancora molto spesso, pian piano imparerò anche a parlare il consonantese.
per ora ho imparato come si fanno i pierogi, che la vodka non è una sola ma può essere tantissime e tendenzialmente troppe, che si ascolta tantisssimo jazz, quanto son buone le zapiekanka...e a dire kocham cie alla ragazza che mi ci fa tornare tanto spesso... :-)

monica

sigh ame succede sempre.
ciao manu:)

manu

sì, sono io, xxx. ti faccio notare che, in tutti questi anni, tu non hai avuto neanche la voglia di dirci come ti chiami, fai tu. :-)

xxx

Ma queella sei tu? Dopo tutti questi anni ancora non so come sei, né se incontrandoti ti riconoscerei... invidio sempre di più quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerti! ;-P

manu

sid, mi è piaciuta moltissimo. una delle cose più importanti, per me, in ogni cosa, è l'autenticità. e, ecco, la polonia mi è sembrata autentica nel senso più profondo che so. metterò anche delle foto... anche se tu ormai sei diventata una professionista! :-)

sid

sai che sono molto curiosa sulla polonia. è un viaggio che piacerebbe parecchio anche a me. leggerò...

I commenti per questa nota sono chiusi.