« tutto torna, ancora. | Principale | laudomia bonanni duemilanove »

giovedì, 22 ottobre 2009

Commenti

Arthur

E c'era Elle, e c'era Sancla... che bei tempi. :-)

manu

elle, è il miglior complimento che potessi farmi... :-*
marco, zooropa, già! sai che l'avevo quasi dimenticata?
mamo, sono certa che, prima o poi, tornerà. saprò aspettare. :-) intanto tè anche qua...
mammina, no che non sei andata fuori tema... berlino ha cambiato la vita anche a me, insieme a wim wenders. anch'io amo molto di più il primo. quello che mi interessava, in questo post, era il concetto di so far so close. tutto qua. anche lisbon story, per me, è stato fondamentale. meno de il cielo sopra berlino, ma fondamentale. baci a tutti voi.
arthur, ci ho pensato spesso. adoro il cinema, lo sai. sarebbe bellissimo se ci provassi tu...
antonio, ero da sola, l'ho scritto.
kovalski, sì: alla fine, credimi, ci è quasi dispiaciuto andare via... lei continuava a chiedermi: ma ci conosciamo? :-*
sancla, e tu ci sei tornata di recente, se non sbaglio, ve'? baci, sancla. tanti.

sancla

Mi hai portata sulla cupola del Reichstag.

kovalski

forse. forse è meglio così.
o forse era un incrocio che doveva essere, anche se in forma di scontro per diventare incontro.

che bello. quando tutto sembra consequenziale. quando tutto sembra legarsi insieme, leggendoti. leggendo te.

:-*

antonio

VOGLIAMO LE TUE FOTO SUL RED CARPET!

arthur

Potrebbe essere la sceneggiatura di un video clip, tipo quelli musicali, dove le immagini scorrono letteralmente una sopra l'altra, fino a raccontare una storia o magari la storia l'immaginiamo noi guardandolo.

Le cose ti catturano, dici, e allo stesso modo, noi ci lasciamo catturare dalle cose che catturano te e... mannaggia... hai mai pensato di "filmare" le tue parole, fatte d’immagini che scorrono letteralmente una sopra l’altra?

Quasi, quasi ci provo io, che dici? ;)

mammina

p.s. quel cielo è il secondo...a me piace di più il primo...solveig mi ricorda te.

mammina

io a Berlino ci torno sempre...chidendo gli occhi e anche no. WW e il suo cielo mi hanno cambiato la vita. (non so se sono andata "fuori tema" ma Berlino è più che un ricordo...) baci di tutti i colori, soprattutto viola. :-))

mamo

sono 3-4 ore che mi vergogno e mi sento male perche' non mi ricordo il collegamento e adesso ormai ho deciso di confessarlo e farmi un panino col te' che gnaffaccio piu'

marco

molto bello. quelle mani che si incrociano, quel vento...
E Zooropa...

Elle

Sì Wim Wenders ce lo sento, ce lo vedo, ma più di ogni altra cosa ho sentito addosso quelle vicinanze e distanze che hai saputo delineare così bene. Con quella cura e quell'attenzione al dettaglio che fa la differenza.
Mi spiace per il tuo incidente, tuttavia perdonami se nel leggerti sono stata catturata da tutt'altro, non dal fatto in sé, ma da come ti sai raccontare. Bella!

manu

l'alligatore, a volte, sì: un incidente ti cambia la vita. d'altra parte anche l'eventualità di un cambiamento positivo, se ci pensi, è molto molto usata come espediente nei film: da incidente si passa ad accidente? non so. il mio incidente non è stato grave, per fortuna. un po' come il brusco risveglio degli ultimi secondi del video, like an angel hits the ground. ma ti assicuro che, nonostante l'amore per cronenberg, negli interminabili secondi in cui vedevo la smart della signora schiantarsi contro di me, non ero poi così contenta. :-*
mamo, ma sai che forse ancora non so se ti piace wenders e tutta la sua cosmogonia? (dài, ricordati il collegamento, lo sai che mi piacciono queste cose... :-P)
xxx, sbagli.
m, sì, precisamente e per fortuna. un po' come nel cinema dove gli eventi accadono solo allo scopo di cambiare disco e movimentare un po' il gioco.
laura, grazie: a volte mi sembra che siano più le cose che ho intorno a catturare me!

Laura

Bello, bello come catturi quello che ti circonda, quello che entra in contatto con te...

Le tue parole catturano, sempre.

m

Così l'incidente è passato in secondo piano e la vita in primo, come dev'essere. Bella descrizione degli eventi.

xxx

Forse sbaglio ma se devo immaginarti, ti immagino un po' simile alla Nastassja Kinski. Grazie era da tempo che qualcuno non mi faceva venire i brividi....

mamo

questa "scena" e' bellissima!

(ti volevo scrivere qualcosa della visione binariosemplicistica del mondo facebookiana dove uno si rapporta agli altri con un mi piace oppure con enigmatica indifferenza, ma non mi ricordo piu' perche' e nemmeno quale fosse il collegamento con qualcosa che avevi scritto.)

L'Alligatore

Mi dispiace manu per l'incidente, ma da quello che sento sei sempre in forma. Mi piace molto quella canzone, ma come film mi hai fatto venire in mente un altro (che è pure un signor libro), cioè Crash! Un incidente ti cambia la vita?

I commenti per questa nota sono chiusi.