« scegliere con cura come uscirne | Principale | prima o poi si sveglieranno... »

lunedì, 05 ottobre 2009

Commenti

manu

eh, non lo so... suggerimenti? :-)

felipegonzales

e quando ne hai quasi 40?

manu

albafucens, hai ragione. anch'io non vorrei mai tornare ai miei quindici anni... :-* (devo ancora rispondere alla tua email, perdono!)
andrea, il ticchettare è quanto di più umano e arbitrario. anche secondo me dovremmo, e potremmo, farne a meno. un bacetto.

andrea

una perdita di memoria. per dimenticare, l'età e il tempo, i giudizi e i narcisismi propri e altrui. guardando il mondo senza l'odioso tichettare.
Andrea

albafucens

.. a quarant'anni spesso si acquisisce una nuova consapevolezza di sè, io penso di piacermi più ora che non qaundo ne avevo 20.

un caro abbraccio

manu

forse hai ragione, and. un numero di intrecci decisamente irreale per una città come new york ed io, per amore del vero, tendo a far caso a questo genere di cose. mi è sembrato come se volesse realizzare il cerchio perfetto, quello che la vita ha raramente il tempo di realizzare. per il resto un po' troppo jew york, o forse troppo cosmopolita in un modo che non posso capire, ma brillante. keith gessen mi è sembrato, in molte delle sue riflessioni, molto molto brillante. non ho avuto l'impressione di un paio di idee esplose su più di duecento pagine, mai. ho avuto l'impressione di ascoltare un uomo che ha pensato molto e questo non può che far piacere. o no?

and

letto anche io questo libro, cosa ne pensi? forse cede nel finale.

manu

grazie a te, casamia. hai ragione, tra amici si dovrebbe usare solo il noi. o, per tagliare la testa al toro, parlare di terzi. :-P

casamia

a qualsiasi età dovrebbe essere valido questo concetto di quel qualcuno che ha detto :"Avevo due amici e li ho lasciati entrambi, il primo perchè non mi parlava di sè e l'altro perchè non mi parlava di me."
grazie per il tuo commento sul mio blog, un grande abbraccio.

manu

ma, solaris, oggi chi muore più per qualcosa che non sia il colesterolo? si fa già fatica a vivere per qualcosa, tantissima fatica. ma noi non siamo così, no. è qualcosa di liquido e diffuso ma, qualsiasi cosa ne scriva bauman: ancora non così diffuso. :-*
lillo, secondo me si: è diverso. perché durante i thirtysomething ti accorgi che esistono gli altri... o no? :-P

lillo

dici che è diverso dai 30 in su?? mah...

Solaris

Ciò che sapevo di Gessen non mi aveva straconvinto. Ma questo brano ha il suo perché.
'Sti Twentysomething, focalizzati su se stessi; facile passare da una amicizia all'altra, fluidità degna d'una società liquida.
Ma quegli stessi something non erano quelli pronti a morire per qualcosa, un ideale, magari un amore?
e divenuti Thirtysomething, fino a Seventysomething.. famiglia, legami.. imparano a bastare a sè? o continuano ad "essere" se qualcuno li guarda? o hanno nostalgia di quando "erano" perché qualcuno li guardava?
Infine, ma noi siamo così?

manu

laura, sarebbe carino rigirare la frase per ogni età, no? :-P
splendidi quarantenni, allora facciamo che la frase che ho scritto io vale per i cinquanta... resta da trovare la giusta combinazione per i quarantasomething! :-)

splendidi quarantenni

A quarant'anni il mondo ti guarda eccome, anche perché capita che lo comandi, il mondo, a quarant'anni.

Laura

(non avevo focalizzato abbastanza l'attenzione sul tuo titolo, in effetti... ci devo pensar su!)

manu

l'alligatore, merito della lucidità di keith gessen... :-)
sancla, per ora, sono più o meno a metà, non è male. ti faccio sapere!
cate, tu, però, sei uno strano caso di ventiduenne che però ne ha diciotto che però ne ha trentadue... fai tu. (auguri!)
laura, non ti aspettare un libro come una solitudine troppo rumorosa, però. questo è tutt'altra cosa. :-*
marco, se non ci aiutiamo tra noi... :-P
arthur, ecco era proprio questo che volevo dire. ci ho provato ma l'unica cosa che ho messo bene a fuoco è che, secondo me: a quarant'anni, quarantuno, quarantadue, quarantatre, quarantaquattro guardi il mondo per vedere se ti guarda ancora. per il resto non so, suggerimenti? :-)

arthur

E quando ne hai quaranta o cinquanta o sessanta o settanta o ottanta? ;)

marco

Grazie!

Laura

Prendo appunti anch'io, ché la Manu ha sempre splendide cose da consigliare...

cate

grazie. ;)

sancla

Un altro libro aggiunto alla lista. Grazie!

L'Alligatore

Post perfetto, ho quasi timore di rovinarlo con un commento, come passare sopra ad un dipinto fresco fresco ...acc, l'ho fatto!

I commenti per questa nota sono chiusi.