« Concreta mente | Principale | mai come ieri »

venerdì, 31 dicembre 2004

Commenti

manu

stillpoint, mia madre dice chi va piano va sano e va lontano. ora, trattandosi di me, avrei dei dubbi sia sul sano che sul lontano... :-P comunque grazie. per l'attenzione e tutto. :-*

stillpoint

ok..ho realizzato, ho visto il nome completo sui referrers di chiaraaa. è che ero rimasto colpito da quella cosa di quattro terzi..e non avevo collegato..io vado lento.
un saluto

manu

la talpa, oh, la talpa: bentornato! :-)

manu

stillpoint, perché ti rende sospettoso? :-) comunque, sì: sono io. benvenuto e grazie a te.

laTalpa

Ciao Manu, sono appena tornato. Grazie per la bella cartolina.

stillpoint

è un post lungo, difficile, tuttavia se ne vorrebbe ancora...sarai mica quella di "quattro terzi pigreco erre al cubo"? il nome del blog mi rende sospettoso...
cmq grazie..

manu

io ADORO i baci con lo schiocco! :-P

pennastilo

Un bacio grande, Manu. Con lo schiocco.

manu

ch, ci hai preso gusto. :-)

manu

xxx, è heidi giuliani. la mamma di carlo.

manu

deck, la categoria vivi desensibilizzati ha un che di ossimorico. direi che non esiste. direi che chi è vivo e desensibilizzato non è. direi che chi è vivo e desensibilizzato è morto. noi no, hai ragione. non ci imbruttiranno, vedrai. :-)

manu

su, era una risposta a quel colpevole che riferivi alla tua serata passata in allegria. tutto qua. non capisco perché non avresti dovuto. né per chi. né perché avresti dovuto fingere un lutto un dolore un senso di oppressione che non sentivi. non so. non c'è colpa ad essere vivi. nel senso che bisogna accettare tutto quello che ci scorre dentro. non ho colpa se mi viene da ridere a un funerale perché io sono viva. non è simulando un dolore che non provi che fai l'anima più bella di quella che è. perché l'anima, secondo me, è bella per definizione. e, anzi, è tanto più bella quanto più è ingestibile. con tutte le contraddizioni sregolate, con tutte le debolezze smagose, con tutti i sentimenti inopportuni. come la vita.

manu

mammina, è un onore! poter giocare con le tue rotelle, intendo. :-*

manu

supergiovane, eh! :-)

manu

gabryella, salute a Te. e benvenuta. abbiamo detto che odiamo l'esplicito. ma mi sembra evidente che tu abbia mille pensieri e parole tamburellate e nutrienti qualità... :-) adoro quando le persone sono piene di leggerezza eppure camminano in punta di piedi per non farsi sentire come se pesassero un quintale! :-P

manu

antonella, io non mi sento vicina a nessuno e a tutti. nello stesso stessissimo tempo. mi sento vicina alla vita, alla morte, agli uomini, al tutto. senza nazionalità, né raggruppamenti di sorta. i mezzi di informazione hanno ridotto tutto a un numero. un numero che come tutti i numeri dice e non dice. dalla fossa comune hanno salvato solo gli italiani. come se, di per sè, si trattasse di qualcosa di diverso. la differenza, come sempre, ovviamente, la fanno solo le relazioni. altrimenti piango il tutto, da uomo a uomo. e ti abbraccio, come sempre.

manu

bpz, mi sa da provocazione. ah, questi vezzi da nordest... :-P

ch

non è la Merini?

xxx

Mardin, una curiosità: ma di chi è la voce che hai messo come sottofondo?

deck

era logico che una persona grande,enorme,come te,e che più si fa piccola e più si ingigantisce, si confrontasse con un fatto di cronaca così grande,dalle dimensioni tali da renderlo non più cronaca ma storia.non posso essere brevissimo,perdonate.provo a dire:non manderò sms.ho il sospetto che convenga molto, troppo, alle compagnie.non sono vicino agli indonesiani più di quanto non lo sia a tutti quelli che hanno sofferto almeno una volta nella vita.è un fatto di coscienza personalissima,non ho così tanti sms e compagnie telefoniche oneste da essere vicino a tutti.mi basta sentirmi vicino,dentro.comodo?no,scomodissimo.vorrei mi fosse sufficiente inviare un sms per placarmi la coscienza.questo mi farebbe più comodo.non ci si leggano sottintesi accusatori,tutt'altro.parlo solo di me.la colpa non è essere vivi, ma vivi e desensibilizzati.non è il nostro caso,di noi tutti,qui,e,ho fiducia, tanti altri là fuori.il resto è solo pessima televisione, quella del marketing.quei brutti tg però non devono imbruttire lo spirito sincero con cui tanti,la maggior parte,(ho sempre fiducia),partecipano.quelli che assistono ai grandi e piccoli tsunami di ogni giorno...e tanto altro ancora da dire, e non basterebbe mai,accidenti a te,manu.ma grazie.

su

no, essere vivi non è una colpa (mai pensato). Ma fingere un lutto, un senso di oppressione e dolore in UN momento ( capodanno ) in cui non si è affatto sentito, è (sarebbe stata) un'ipocrisia. Non parlo per te, né per chi ha commentato qua. Parlo per me.
io mi sento a disagio a far l'anima più bella di quanto non sia.


mammina

beh, che scrivi bene si sa, che hai un bel cervello anche...grazie perchè contribuisci a mettere in moto le mie rotelle...bacioni e buon anno...

supergiovane

che bello cambi l'header a seconda delle festività...stai diventando come google!!!!

gabryella

resto senza parole - non ne ho mai avute troppe (e ora mi vergogno perfino di tossire) - non ho quasi mai pensieri, e se li ho, li svio - ho solo occhi e mani vuote, incapaci di qualunque gesto - le uso, ora, per tamburellare questo inutile (ma solidale) "commento" - per gratitudine verso chi mi esprime - salute, gabryella

anto

quanti bellissimi commenti, io vorrei solo dire questo, che mi sento molto più vicina a migliaia di occhi chiusi thailandesi, indonesiani o comunque asiatici che non a quelli dei nostri connazionali, forse perchè penso che loro, rispetto a noi occidentali, abbiano un animo più nobile e una vita e un cuore più sinceri. magari mi sbaglio ma sento così. :-*

ch

:-)

bpz

mi sa da provocazione, questa! ;

manu

:-)

ch

come fosse un mattino come un altro, magari col sole. ognuno contribuisce con un sorriso, basterà anche il mio? si sfiora il qualunquismo ma ci sono sensazioni comuni, niente da dire oltre la pace. grazie a te

manu

ch, il tuo primo commento. così dissolviamo l'impaccio delle cose non scritte... :-) grazie e baci.

I commenti per questa nota sono chiusi.